EVENTI ED AZIENDE NEL COMUNE DI CAPRANICA, BARBARANO, SUTRI, VETRALLA, ORIOLO, BASSANO, VEJANO, RONCIGLIONE

Il portale per la promozione di eventi e aziende sul territorio che dal Comune di Capranica si estende fino alla Tuscia romana e alla Tuscia viterbese

Lodoletti suona a Sutri: 15 Luglio 2016

0

Sutri, Venerdì 15 luglio ore 21.00 – Chiesa San Francesco

ALBERTO LODOLETTI al Pianoforte
Fascino e spettacolarità per il Recital Pianistico “Perle musicali”
Musiche di Mozart, Debussy, Mendelssohn, Liszt

lodoletti1Dopo il grande successo dei primi cinque appuntamenti, il Beethoven Festival Sutri 2016 arriva al suo giro di boa, venerdì 15 luglio ore 21 Chiesa San Francesco di Sutri.  Protagonista sarà il pianoforte del virtuoso Alberto Lodoletti in un programma estremamente accattivante che spazia da Mozart a Debussy, passando da Mendelssohn e Liszt, in una sorta di itinerario sul filo del fascino e della spettacolarità.

Si inizierà con Mozart e le sue Dodici variazioni in do maggiore sulla canzone francese “Ah, vous dirai-je Maman”, melodia diffusa sotto forma di una notissima canzoncina per bambini intitolata Twinkle, Twinkle Little Star. Seguirà una magnifica opera di Debussy, la Suite Bergamasque divisa in Prelude, Menuet, Clair de lune (celeberrima perché utilizzata come colonna sonora in numerosi film e spot pubblicitari) e Passepied: brani scritti dal grande compositore impressionista che si riconduce al classicismo.

Aprirà la seconda parte del concerto l’allegro e brillante “Rondò capriccioso”, uno dei pezzi più diffusi di Mendelsshon, annoverato tra i «pezzi di resistenza» del repertorio dei “virtuosi del pianoforte” verso la metà del secolo scorso. L’ultima parte sarà dedicata al virtuosismo spettacolare di Liszt. Si inizierà con “La caccia” e “La campanella”, tratti da Sei studi di bravura da Paganini, composti quando Liszt ebbe occasione di udire l’“infernale violinista” a Parigi: rimasto profondamente colpito dalla virtuosità senza precedenti del genovese, cercò di trasportare sul pianoforte la sua “diabolica” tecnica violinistica, trascrivendo cinque suoi Capricci e il  Rondò «La campanella» .  Il concerto si concluderà con la Rapsodia ungherese n.2 che spicca, tra le 19 composte da Liszt, per bellezza e difficoltà. Ritenuta uno dei suoi capolavori , è nota anche per l’oscar vinto nel 1946 dal cortometraggio della MGM “The Cat Concerto”, protagonisti Tom & Jerry.

Curriculum di Alberto Lodoletti

lodoletti curriculumAlberto Lodoletti si avvicina giovanissimo al pianoforte studiando con M. Cozzi, L. Sanna e R. Campisi; dopo la maturità classica frequenta il Conservatorio G.Verdi di Milano, dove sotto la guida di V. Balzani, si diploma con il massimo dei voti. Si perfeziona in seguito con W. Krafft, col quale studia presso il prestigioso Münchener Musikseminar di Monaco di Baviera. Partecipa a diverse Master-Class tra cui quelle tenute da O. Marshev, G. U. Battel, M. Sirbu, B. Berman, J. M. Luisada. Premiato in diversi concorsi pianistici nazionali ed internazionali, in veste di solista tiene concerti in Italia, Austria, Bulgaria, Germania, Francia, Principato di Monaco, Romania, Stati Uniti d’America e Svizzera. Si esibisce in sedi prestigiose come: in Italia Società del Giardio, Conservatorio G. Verdi, e Amici del Loggione del Teatro alla Scala di Milano, Giardino della Fontana dell’Acqua Paola al Gianicolo di Roma, Palazzo Albrizzi di Venezia, Teatro Bibiena di Mantova; nel Principato di Monaco Théâtre des Variétés di Montecarlo; in Francia Château de Chabenet (Le Pont Chrétien, Berry); in Romania Filarmonica de Stat (Sala Thalia) di Sibiu-Hermannstadt, Filarmonica de Stat (Sala Ateneu) di Bacau, Filarmonica de Stat di Botosani; in Bulgaria Filarmonica di Stato di Shumen; in Austria Europa-Haus di Meyrhofen; in Germania Gasteig di Monaco di Baviera, Dreikönigskirche – Haus der Kirche di Dresda.  Dal 2014 è regolarmente invitato negli Stati Uniti per tenere concerti e Master-Class in Florida (Univeristy of Tampa), con crescente successo di pubblico e critica. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica Carlo Coccia di Novara, l’Orchestra Filarmonica Mihail Jora di Bacau (Romania), l’Orchestra Filarmonica di Botosani (Romania), l’Orchestra Filarmonica di Stato di Shumen (Bulgaria), sotto la direzione di Renato Beretta, Ovidiu Balan (Romania) e Robert Gutter (U.S.A.).

Condividi questa pagina!

Comments are closed.